Contatti: +39.328 90 44 608 | info@lesfoliesretro.com

Eventi

Matrimonio vintage

Matrimonio vintage: come organizzarlo a Roma

Sei da sempre un’amante del mondo del vintage e anche il tuo futuro sposo condivide con te questa passione. Per questo avete deciso che il vostro matrimonio dovrà essere in stile retrò, come se voi e i vostri invitati poteste per un giorno essere trasportati nel passato. Optare per un matrimonio vintage significa dare alla vostra unione l’augurio dell’eternità: un festeggiamento senza tempo, come sospeso in una magica bolla di sapone che mai scoppierà.

Come fare per organizzarlo? Innanzitutto chiarite bene quale epoca fa per voi: il matrimonio vintage può spaziare dai ruggenti anni Venti, che possono essere declinati in vari modi, anche in quelli lussuosissimi in stile Grande Gatsby. O magari può essere un colorato ricevimento anni Cinquanta, con colori sgargianti e zuccherosi, il ritmo del rock ‘n’ roll e tanti dolci. O ancora, gli scatenati anni Sessanta, con un abito da sposa corto, colori pastello e acconciature cotonate per tutti. Oggi va molto di moda anche il revival: il boho-chic non fa che declinare l’amore per la natura che si aveva negli anni Settanta, o la nuova ondata estrema che vuole un party folle in stile anni Ottanta. Perché no? Il matrimonio è il vostro e potete scegliere ciò che volete. L’importante è affidarsi a organizzatori capaci: non c’è nulla di peggio di un guazzabuglio di epoche, in cui gli invitati si trovano più disorientati che divertiti. Un wedding planner professionista e specializzato nell’Old Style Wedding è quello che ci vuole. Soprattutto se non sapete da dove cominciare.

Matrimonio vintage: gli abiti da sposa

L’abito da sposa: il primo elemento del matrimonio vintage

Quando si pensa a un matrimonio, la prima immagine che viene alla mente è quella della sposa. Per questo è fondamentale che tu scelga il tuo abito in stile vintage a seconda dell’epoca in cui vuoi calare il tuo matrimonio. Immagina di sentirti una diva della Golden Age, con un abito elegantissimo anni Trenta e un make-up della stessa epoca. Sarai tu a dare il dress code e tutti i tuoi invitati si adegueranno di conseguenza. E per l’uomo? Esistono – anche se sono pochi – dei look consultant anche per lui. E non dimenticate gli accessori! Cipollotti, gemelli e scarpe con le ghette, per esempio. Il segreto di una buona riuscita sta, come sempre, nei particolari.

Matrimonio vintage: stili della sposa

La location e l’allestimento di un matrimonio vintage

Per calarsi completamente nell’atmosfera d’altri tempi di un vintage wedding, bisogna ovviamente scegliere la location adatta, che raggiungerete a bordo di un’auto d’epoca. A meno che non abbiate già un’idea ben precisa, un wedding planner specializzato ve ne saprà proporre di perfette, da quelle propriamente antiche, a quelle declinabili nelle decadi del secolo scorso. Subito dopo si dovrà pensare all’allestimento: arredamenti, flower design ed eventuali scenografie o effetti speciali. Tutto dovrà concorrere alla ricreazione coordinata dell’epoca da voi scelta. Non sottovalutate assolutamente il tableau, i segnaposto e la mise en place!

Per qualche idea in più, il matrimonio vintage è uno dei quattro trend dell’anno che saranno in mostra a Fall in Love, il primo evento sul matrimonio creativo a Roma.

Matrimonio vintage: acconciature

Bomboniere, confettate e cake design

La torta nuziale è un altro elemento fondamentale di un matrimonio vintage. Puoi decidere il cake design insieme al wedding planner, che saprà indirizzarti verso pasticceri capaci di realizzare autentici capolavori. Ma la torta non dovrà essere l’unico dolce del buffet. L’intero menù può essere declinato a tema, non solo nell’aspetto, ma anche nella scelta delle pietanze: basterà rivolgersi a un ottimo catering che saprà consigliarvi. Il trend più dolce è poi quello della confettata: oltre ai confetti chiusi nelle bomboniere, che verranno regalati agli ospiti, gli invitati potranno deliziare il loro palato con confetti dei più disparati gusti. La confettata sarà ovviamente allestita a seconda del tema del tuo matrimonio vintage, con una wedding stationery pensata per indicare ciascun gusto e magari anche dei sacchetti per portar via un assaggio di ognuno.

Matrimonio vintage: abiti testimoni

E gli ospiti di un matrimonio vintage?

Se davvero vuoi che tutto il look del tuo matrimonio sia coerente e che le foto del tuo album di nozze non sembrino uscite dalla trilogia scombinata di Ritorno al futuro, anche gli invitati dovranno calarsi nella parte. Dai suggerimenti sul dress code già dall’invito, divulga dritte e consigli e soprattutto aiuta i tuoi ospiti! Puoi allestire un corner make-up e acconciature dove tutte le donne possano perfezionare il loro look, e magari anche un barber corner per i maschietti.

Naturalmente gli ospiti vanno anche intrattenuti. La scelta del tappeto musicale in situazioni come questa è assolutamente fondamentale: ingaggia un DJ esperto in selezioni vintage, con il quale potrai anche accordare alcuni brani, soprattutto per i momenti fondamentali del tuo matrimonio. Momenti di musica dal vivo creeranno la giusta atmosfera e faranno sì che tutti gli ospiti si calino completamente nell’epoca. Non ti sembra ancora sufficiente? Chiedi nuovamente ai wedding planner: sapranno darti molti suggerimenti su come intrattenere gli ospiti del tuo matrimonio vintage.

 

Photo credits: Abiti da sposa: LabCostume – Abiti testimoni: Bloody Edith + Olivia Iron – Make-up e acconciature: Alice Onori, Ori ‘O’, Miss Frances Belle – Bouquet: Trilli e Gingilli – Photo: Aldo Feroce, Domenico Salvati

Danilo Ramon Giannini

Frank Sinatra 100 anni – Intervista a Danilo Ramon Giannini

Attore e cantante e cantautore. Danilo Ramon Giannini, classe 1985, di Taranto, è un giovane talento ormai noto nel panorama del vintage romano. Apprezzato crooner, interprete di musicalità del passato e attore, nonché vivace entertainer, Danilo si esibisce nelle serate a tema all’interno dei migliori locali vintage romani e non solo.

Da Buscaglione a Dean Martin, da Elvis ai temi dei più famosi musical, passando per il suo grande amore, Frank Sinatra, che proprio quest’anno avrebbe compiuto 100 anni. Danilo ha pensato di realizzare uno dei tanti progetti che ha nel cassetto, e di omaggiarlo con uno spettacolo ideato e scritto da lui: Sinatra’s Birthday – 100… Ma non li dimostra, in scena al Teatro Golden il 4 gennaio 2016.

Ma procediamo con ordine, perché noi vogliamo raccontarvi tutta la storia dal principio…

 

Danilo, come si è accesa in te la scintilla? Come sei finito su un palcoscenico?

Tutto è nato dall’animazione: ho lavorato per sei stagioni in villaggio turistico a partire dai 19 anni. È stato lì che mi è nata la passione del palco, anche se il primo concorso canoro lo feci a soli 8 anni, cantando O sole mio. La scintilla mi ha fatto nascere la voglia di studiare e la necessità di stare sul palco. Dopo l’ultima stagione da animatore in Spagna, sono andato direttamente a Firenze. Ho frequentato l’accademia di musical, la Max Ballet diretta da Massimiliano Terranova, dove ho studiato recitazione, canto e danza. È la stessa scuola che ha frequentato Elisa Lombardi, che con me forma gli Swung Out, ed è lì che ci siamo conosciuti.

 

Un inizio deciso, non c’è che dire. E dopo questa prima esperienza di studio?

Dopo tre anni di studio, durante i quali sono sempre salito sulle polverose tavole di legno del palcoscenico, volevo andarmene, dato che Firenze è un bacino abbastanza ridotto per quanto riguarda il teatro. Ho sostenuto un provino per l’Accademia del Teatro Golden nel 201, è andato bene e così mi sono trasferito a Roma. Qui ho avuto le conferme di quelle che sono oggi le mie peculiarità artistiche. Ho avuto modo di studiare con Maurizio Micheli, Enrico Brignano, Gianpiero Ingrassia. Ho iniziato a lavorare nello stesso Golden andando in scena con Marco Columbro, i fratelli Fornari, Gianni Ferreri, Daniela Morozzi. Ho preso parte a diversi musical, cimentandomi in vari ruoli.

Danilo Ramon Giannini

È stato a questo punto che hai capito che il canto sarebbe stata la tua vita?

Diciamo che in fondo l’ho sempre saputo. La passione per la musica mi fu trasmessa da mia nonna e da mio padre. Mia nonna ha sempre avuto una bellissima voce, le piace molto cantare. Il mio nome viene da La vedova allegra, il conte Danilo. E questa era la parte di mia nonna. Sergio Leone fa intervenire mio padre con la battuta di Eastwood “Al cuore, Ramon”. Mio padre mi ha inculcato la passione per la musica classica napoletana e anche internazionale.

 

Quindi poi, oltre al teatro, decidi di cimentarti in progetti musicali…

Non subito: il progetto Swung Out che era nato per gioco. Les Folies Retro trovò me e Giulia di Turi che allora facevamo duo, e ci propose delle serate. Il riscontro fu subito buono, positivo. Il numero di serate aumentò subito e capimmo che potevamo essere dei professionisti. Qualche anno dopo, sempre grazie a Les Folies Retro, ho conosciuto il batterista Marco Calderano ed è nato il progetto Sinaltra. Nel frattempo Giulia aveva deciso di seguire dei progetti suoi e così ho richiamato la mia vecchia collega di accademia, Elisa Lombardi. Anche lei aveva maturato molta esperienza, aveva partecipato a vari musical tra i quali Mamma mia! Il duo Swung out perciò non naufraga, ma continua con lei.

 

E a questo punto decidi che vuoi anche scrivere canzoni tue…

È stato sempre al teatro Golden che ho incontrato il Maestro Aldo Petris, con cui ho iniziato una collaborazione di cantautorato. Io portavo idee musicali e testi e lui ci costruiva sopra l’arrangiamento e la canzone. Così è nata Scusi Signorina, che ha fatto da apripista alla realizzazione di un demo di due brani che è in vendita su Amazon, e si chiama proprio Le prime due.

Danilo Ramon Giannini

In questo lasso di tempo il tuo stile si è affinato e hai scelto di dedicarti maggiormente alle sonorità vintage…

Ho sempre avuto la tendenza vocale ed emozionale verso la musica anni ‘50 e ‘60, principalmente per quella americana. Poi personalmente mi piace il jazz anni ‘30 e ‘40 da George Gershwin a Cole Porter, interpreti come Bing Crosby, fino a Dean Martin per poi giungere a Frank Sinatra e quindi chiudere il cerchio di nuovo nei ‘50s. Queste passioni mi hanno portato a specializzarmi in sonorità swing e jazz. È una cosa che mi appartiene: anche quando canto altri generi, quel tipo di melodia e di impostazione escono fuori.

 

Molte persone a questo punto potrebbero erroneamente credere che vivi nel passato.

Assolutamente non sono staccato dalla realtà attuale. Ricordi quando alle medie ci facevamo le nostre compilation? Ecco, io insieme ai Depeche Mode e ai Placebo, ci mettevo anche Frank Sinatra. Se la musica è bella, lo è in tutte le epoche, e se uno stile ritorna, vuol dire che è talmente forte e funziona che torna prepotentemente. Il cattivo gusto sta nelle scelte. Se uno per interpretare gli anni ‘30 si mette un papillon e un gilet di scarsa qualità, scredita la categoria e genera pagliacciate. Ecco perché la cura della ricostruzione deve investire ogni aspetto. Ma non vivo in quell’epoca lì. Sarebbe da stupidi pensarlo. Una ricerca c’è, ma è una ricerca cosciente. Per andare lontano nel futuro, la rincorsa la prendo bene nel passato.

 

Arriviamo allo show che stai per portare in scena: Sinatra’s Birthday – 100… Ma non

Birrodromo

Estate torrida? Vieni al Birrodromo!

Birrodromo: birra, street food, street fashion, cavalli e tanta musica!

L’estate è ormai entrata nel vivo e il caldo si fa sentire. Tra le mille proposte di questa estate romana non sai però ancora come barcamenarti, e soprattutto non andrai in gita fuori porta per il lungo weekend di San Pietro e Paolo. E allora che fare? Naturalmente ci siamo noi a consigliarti qualcosa di assolutamente originale, dal sapore vintage, che potrà rinfrescarti da questa calura.

birrodromo

Birrodromo: gli organizzatori

Il 29 giugno è infatti il giorno del Birrodromo, la manifestazione organizzata da Le Cool e da Birrificio Castelli Romani. Musica dal vivo, dj set, il miglior street food di Roma, uno street fashion market di tutto rispetto e, ovviamente, tanta birra!  Dodici ore di intrattenimento, un’occasione unica per trascorrere una giornata all’interno dell’Ippodromo delle Capannelle, in tutto relax e lontani dal caos, per festeggiare i due anni di attività del birrificio.

Birrodromo: le attività

Dalle 12.00 alle 24.00 per la gioia degli occhi e del palato, oltre alle birre artigianali, per tutta l’area saranno presenti moltissime Api Calessino (Ape Magna dedicata a panini ed affettati di qualità, Ape Golosa con gelati e crepes, Sfizio Capitale che propone cartocci e fritti, e molte, molte altre) che allestiranno oltre ad uno street food market anche un corner dedicato allo street fashion (Ape Everywhere), come raramente ne vedrete mai.

pinup

Ma le attività non finiscono qui al Birrodromo! Il Vespa Club Ciampino esporrà le sue bellissime Vespa d’epoca, scintillanti come non mai! E qui entriamo in gioco anche noi… Già, perché le pin-up di Les Folies Retro poseranno per un photoshooting pubblico su questi gioiellini a due ruote, rendendo l’atmosfra ancora più vintage… e forse più calda!

Infine, last but not least, ci sarà il nostro amatissimo Dj Coppola Joe a far ballare tutti con le sue selezioni musicali. Roba da non riuscire a tenere fermi i piedi!

Non mancate!

Per saperne di più, cliccate “parteciperò” sull’evento Facebook:

https://www.facebook.com/events/1600364040246052/

 

BurlesqueTemptations

Eventi Burlesque a Roma: Burlesque Temptations

Chi ci segue lo sa: gli spettacoli burlesque sono il fiore all’occhiello di Les Folies Retro. E tra i mille eventi Burlesque che produciamo, c’è un appuntamento ricorrente che ci piace sempre tanto: è quello con La Nemesi di Bacco, ristorante di pesce a Roma dove ci sentiamo a casa per vari motivi. Periodicamente torniamo sul piccolo palco che è stato approntato apposta per noi dai due fratelli che gestiscono questo luogo di sapori e atmosfere, e lo facciamo con gran piacere, visto che la loro clientela si è affezionata a noi e ci reclama a gran voce se manchiamo!

Per questo giovedì 25 giugno 2015 saremo nuovamente a La Nemesi di Bacco con il nostro format Burlesque Temptations, che prevede, oltre alle performance Burlesque, uno spettacolo di varietà in piazza e a regola, con tanto di musica dal vivo.

Rimmel Lil Etoile e Sally Van Tassel

Rimmel Lil Etoile e Sally Van Tassel

Il menù della serata, per quanto riguarda gli occhi, è decisamente neo-burlesque. Due le performer che si alterneranno sul palco, e sono entrambe amanti delle contaminazioni più disparate: dalle arti circensi al bondage, dal cheesecake burlesque al fetish. Rimmel Lil Etoile, ormai famosa per le sue movenze seducenti, che catturano come le spire di un’anaconda senza lasciare possibilità di scampo, e Sally Van Tassel, che presenterà il suo nuovo act “Lady Barnum”, ispirato a una ringmaster del circo dei freak ottocentesco.

A introdurle, come consueto, la super-coinvolgente maestra di cerimonie Miss Milky Butterfly, che dividerà la scena con il crooner e vocalist Danilo Ramon Giannini – altro habitué del palco de La Nemesi di Bacco, il quale presenterà il suo repertorio swing e musical.

 

Miss Milky Butterfly e Danilo Ramon Giannini

Miss Milky Butterfly e Danilo Ramon Giannini

 

Per quanto riguarda il palato, invece, la formula All You Can Eat & Drink, consueta del ristorante di pesce, carne e vegetariano, sarà valida al prezzo di 30 euro ciascuno, compresi acqua, vino della casa e dolci.

Per saperne di più, cliccate “parteciperò” sull’evento Facebook:

https://www.facebook.com/events/486969221468965/

 

Con tutte queste stuzzicanti proposte, non vorrete mica mancare…